Description: Tecnosistemi Fisiofit

 TECNOSISTEMI FISIOFIT sas
Via Tre Ponti, 23 - 61038 Orciano di Pesaro - PU -Italy
Phone: +39.0721.981034 Fax:     +39.0721.989539

info@tecnosistemifisiofit.com – tecnosistemifisiofitsnc@poste-certificate.it

 

Vendita di apparecchiature

ELETTROMEDICALI
ASSISTENZA - CONSULENZA
VERIFICHE DI SICUREZZA

Home page

L'azienda

Home page

L'azienda

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Estetica-Fitness

 

 

 

Accessori

 

 

 

Arredi sanitari

 

 

 

Diagnostica

 

 

Monouso

 

 

Varie

 

 

 

VISUALIZZA UNA PRESENTAZIONE
dell’azienda Tecnosistemi Fisiofit

bott_ster

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lavorare in sicurezza proteggendo il proprio lavoro, i clienti ed i collaboratori dai rischi quotidiani

1 gennaio 2009 entra in vigore il “Testo Unico a tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro” (D.Lgs.81/08)

 

Prevede l’obbligo di redigere un “documento valutazione dei rischi” nel quale venga esplicata una valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori presenti nell’ambito dell’organizzazione in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza.

 

 

 

ATTIVITA’ CHE ESPONGONO I LAVORATORI A RISCHIO BIOLOGICO (dentisti, estetiste che svolgono manicure e pedicure, dermatologi, ecc...) devono adottare misure di prevenzione e protezione che garantiscano la “massima sicurezza tecnologicamente possibile” . Questo è assicurato unicamente dalla sterilizzazione tramite vapore saturo dell’autoclave.

autocl

 

 

 

ATTIVITA’ NELLE QUALI ESISTA IL RISCHIO DI ARRESTO CARDIACO (dentisti, case di cura, ecc...)
Circa il 25% dei casi potrebbe essere rianimato se venisse defibrillato entro 4/5 minuti, dato che per ogni ulteriore minuto la possibilità di sopravvivenza diminuisce del 10%. 

Si può ricorrere a defibrillatori esterni portatili, apparecchi della grandezza di un computer portatile che permettono all’operatore di intervenire con una procedura guidata e automatica per la rianimazione del paziente

defibb